Mujito storia e mito

“Mojito” storia e mito Molto profumato e leggermente dolce, con un tocco di acidità, questo elegante e cosmopolita cocktail, si è fatto posto tra i grandi classici ed oggi è il più famoso cocktail. Alcune varianti sono realizzate con limone giallo o acqua gassata e pezzi di lime sul fondo del bicchiere pestati insieme alla menta, altri con ghiaccio tritato. Ad alcuni piace aggiungere qualche goccia di Angostura per esaltarne il sapore. Anche a Parma abbiamo molte varianti che sono arrivate, il” Fidel” con aggiunta di birra,”Parisienne” con aggiunta di champagne, e quella che oserei dire tipica parmigiana che è con due tipi di rhum lime pestato, menta e zucchero di canna (grezzo) quasi un minestrone manca solo il parmigiano. L’origine del Mojito parte da questo signore Francis Drake, noto come “El Draque” (il drago), che era un famoso pirata inglese (il primo uomo inglese a circumnavigare il mondo) ed è stato un punto di riferimento situato a ”La Isla”, la “Isla de la Juventud” a Cuba. Sedotto da questo paesaggio naturale è rimasto vuoto e silenzioso. La stessa isola nel Mar dei Caraibi che ha ispirato Robert Louis Stevenson a scrivere “L’isola del tesoro”. Francis Drake, durante il suo tour mondiale nel saccheggio del 1578, fece una sosta in una taverna con il suo equipaggio per celebrare il loro bottino . Ebbero ad abbeverarsi, foglie di menta schiacciate con lo spirito locale (che era il precursore delle attuali rum cubano non filtrato) e del limone verde (lime) ghiaccio a scaglie grosse. Bevvero l’antenato del rustico e virile Mojito che chiamarono il “Draque” (soprannome del famoso pirata che è stato anche ammiraglio e il capitano di equipaggio). La ricetta è rimasta la “Isla” e ha continuato ad essere consumato regolarmente sotto il nome di “Draquecito”. Molto più tardi, il regno della mafia cubano tra il 1910 e il 1920 ha contribuito perfezionare il rum. Nel 1946 “La Bodeguita del Medio” ha deciso di effettuare una sofisticata variante del “Draquecito” per renderlo più accessibile. Essi aggiungono zucchero di canna e lime. Rivedere i punti di forza di questa ricetta chiamata “Mojito” (amalgama di violare mojadito (umido) e Mojo (salsa cubana culinaria anche “fascino” in Sud Africa). Nomi ben trovati per una bevanda che è attraente e tropicale. Poco dopo, è preparata in tutto il mondo a metà degli anni’20 era diventata la bevanda nazionale di Cuba.  Il Mojito è stato rapidamente esportato verso gli Stati Uniti tra cui Miami, dove ha raggiunto una popolarità enorme, poi a New York e San Francisco. Nel 1990, il Mojito finalmente ha raggiunto l’Europa attraverso l’importazione della cucina Tex-Mex. PS: Ernest Hemingway amava sorseggiare Mojitos “La Bodeguita del Medio”, ma senza zucchero perché non digerito , Ha cosi dato i natali a Papa Hemingway da lui preparato gustos Maracino (il liquore a base di ciliegie cubano) e succo di pompelmo. Ricetta originale del Mojito Tre ramoscelli di menta Due cucchiaini Zucchero di canna bianco 3.0 cl Succo di un lime 4.0 cl rum completare con acqua di soda. Pestare in un bicchiere (highball), lo zucchero il succo di lime e la menta, aggiungere il ghiaccio in cubetti e versare il rum,completare con soda mescolare delicatamente riportando in superficie i gambetti di menta e servire con cannucce .

image

              Buon Mojito a tutti.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...